Photoshop – Lezione 6 – Strumenti di correzione colore

Dopo aver visto come applicare una maschera di livello utile a limitare le modifiche a certe zone.
Ora vedremo gli strumenti più importanti per la correzione del colore:
– Brightness / Contrast
– Levels
– Curves
Questi strumenti permettono di gestire a vari livelli il colore e il suo bilanciamento.
– Brightness / Contrast
bright
La finestra e’ molto semplice (limitata) e consente unicamente di regolare la luminosita generale e il contrasto (differenza tra pixel chiari e scuri).
Per i nostri fini fotografici sconsiglio di spuntare la finestrella “Use Legacy” da degli effetti di solarizzazione sgradevoli alla vista.
imm corr
Qui l’immagine originale e la finestra aperta tramite un livello di regolazione
imm orig
Qui l’immagine dopo un veloce e limitato ritocco attraverso una correzione della luminosità e del contrasto.
– Levels
Un metodo un po’ più avanzato per la correzione dei toni e’ l’utilizzo dello strumento levels (livelli in italiano). Vediamo immediatamente i due esempi e da li spieghiamo il funzionamento dello strumento.
levels1
La pallette mostra l’istogramma di diffusione della luce (in alto) con dei cursori di regolazione e in basso una barra gradiente che va dal nero al bianco.
I cursori consentono di modificare il punto del nero, del bianco e del grigio medio, con effetti diversi e complementari tra loro.
levels2
Spostando il cursore del nero (quello nero…) si modificano i colori scuri e il numero sottostante il punto del nero indica che tutti i grigi uguali o inferiori a quel numero diventano neri e proporzionalmente i grigi si scuriscono.
Allo stesso modo il cursore dei bianchi modifica i bianchi e i relativi grigi chiari.
Infine il punto del grigio nero modifica proporzionalmente il grigio medio all’interno dell’immagine.
Con questi tre cursori e’ possibile quindi innanzitutto schiarire e scurire l’immagine; consente inoltre di cambiare i contrasti dell’immagine.

 

Al di sotto dell’istogramma troviamo la banda gradiente che invece consente di schiarire i toni scuri (prima invece si scuriva) e scurire i toni chiari (prima si potevano schiarire). Con questi cursori si diminuisce il contrasto dell’immagine.Cio che abbiamo visto con Brightness / Contrast e Levels è possibile farlo pure con Curves, con il vantaggio che le regolazioni sono molto più precise.

Schermata 2011-02-05 a 13.26.09

Ricordandoci che il contrasto è la differenza di luminosità tra due punti, con le curve possiamo agilmente regolare il contrasto facendo delle curve ad “S” come quella nell’immagine a fianco.

In questo modo abbiamo reso le ombre più scure e le luci più luminose.
Facendo ciò su certi tipi di immagini di bassa qualità possiamo incorrere in un effetto di “BOUNDING”, in cui vediamo delle bande di colore abbastanza nette, dovute dalla quantià di colori ristretta (ricordiamoci che a 8 bit abbiamo 256 tonalità luminose e che se quindi le stiriamo ne perdiamo parecchie e l’occhio noterà il passaggio).

Schermata 2011-02-05 a 13.30.46

Appiattendo la retta otterremo invece una perdita di contrasto (un immagine che perde dettagli e apparirà slavata) e potremmo pure regolare la presenza di grigio all’interno dell’immagine.

Sono tutti effetti che possono risultare utili e anche “artistici” che però son generalmente sconsigliati nella fotografia pubblicitaria e redazionale dove la qualità dell’immagine deve essere altissima.

About the Author:

Leave A Comment