3D, come realizzarlo in fotografia

3D, come realizzarlo in fotografia

Sempre più spesso si sente parlare di 3D e la sua diffusione ha avuto una rapida crescita dopo il film Avatar, televisori, macchine fotografiche, occhialini da realtà aumentata… tutti pazzi per il 3D.Ma come possiamo noi fotografi realizzare delle foto che siano realmente 3D e che quindi ci consentano di vedere il soggetto da tutti i lati senza dover usare scomodi e ancora fastidiosi occhialini con lenti colorate?

Un cliente dello studio si era mostrato interessato a queste nuove tecniche e tecnologie ma imporre degli osceni occhialini a chi consulta un catalogo di alta moda o di design era fuori discussione.

Ho pensato a un po’ di soluzioni…

– rendering 3D con applicazioni di immagini fotografiche, ma il costo di produzione e i tempi di realizzazione erano “BIBLICI” (parliamo di almeno 2 giorni di intenso lavoro per una banalissima statuetta senza alcuna ambientazione)

– fotografia ritoccata con Photoshop che consentiva di replicare il 3D attraverso una interpolazione dell’immagine (tecnica complicata, abbastanza veloce ma dai risultati dubbi e sicuramente non accettabili per clienti di un certo livello)

– la soluzione finale e’ ricaduta su una tecnica “grezza” ma molto efficace

E in cosa consiste…

e’ molto semplice, posizioniamo il nostro soggetto su una piattaforma rotabile che faremo ruotare e scatteremo le foto del soggetto su tutti i lati (a seconda della qualità richiesta e delle dimensioni del soggetto si possono fare più o meno foto)

La realizzazione degli scatti è pure rapida (a parte la preparazione delle luci, ci si impiega solo pochi secondi per ruotare e scattare la fotografia e grazie all’APP “Phocus mobile” per iPhone o iPad riusciamo a realizzarlo senza doverci muovere per lo studio)

Come vedete l’effetto è carino e questa animazione è stata realizzata in poco più di 4 ore di lavoro (luci, scatti e tanto noioso ritocco).
Con un po’ di pratica si possono trovare delle soluzioni per ottimizzare il flusso di lavoro e migliorare la qualità degli scatti (qualità che viene persa durante i passaggi di ritocco e realizzazione dell’animazione con Final Cut)

 

About the Author:

Leave A Comment